Author: Roberto Bondi

Parlando della tre giorni di Chroma Festival appena conclusa e dedicando qualche riga al talento degli organizzatori di questo evento.

Mentre mi stavo accingendo ad andare a letto (poiché è vero che è Maggio/evviva la primavera/non si fa niente ma gli esami ci sono comunque e devo studiare) quella simpatica app di Youtube mi manda la notifica che Liberato ha pubblicato 5 nuovi video. Curiosando anche su Spotify, vedo che è nato un nuovo album:

“40” è il nuovo disco del giovane rapper Quentin40. Lo ha recensito per noi il nostro Roberto Bondi.

Avete presente quel meme dove un contadino davanti al suo campo dice: «Ecco cosa mi è rimasto, un bel mucchio di niente»? Be’, in questo caso non siamo proprio nella stessa situazione, ma ci siamo vicini. Senza nulla togliere ai due bellissimi album di Giorgio Poi (“Smog”) e Coma Cose (“Hype Aura”), la domanda che

Sabato sera siamo stati all’Urban di Perugia per ascoltare il live di Franco126 che sta portando in giro per il Paese il suo primo disco “Stanza Singola” Essendo stato un mese fa al concerto dei Colle der Fomento, potrei fare una miriade di paragoni, ma preferisco concentrarmi su due aspetti principali che mi sono rimasti

Una ventata d’aria fresca è arrivata a Perugia e soffia direttamente dalle ragazze del duo Violet Ghost (Elisabetta Caprini e Lucia Mariani) con il loro primo Ep intitolato The bench. Il disco – uscito l’11 febbraio – è stato registrato presso il Jap-Perù di Perugia da Riccardo Tesorini ed è stato masterizzato e mixato al Suba

Sabato scorso siamo stati all’Urban di Perugia per assistere al concerto dei Colle der Fomento. Lo storico gruppo hip-hop sta portando in giro i brani del nuovo disco “Adversus” Prima di iniziare il racconto della serata di sabato all’Urban, volevo premettere due cose: la prima, è che quando è stato pubblicato Odio Pieno io ero

Dato il titolo dell’album, “Sindacato dei sogni“, ho provato ad ascoltarlo prima di andare a dormire. Chissà, ho pensato, magari le canzoni mi entrano in testa, e il traumatico risveglio del giorno dopo alle 6 e mezzo del mattino sarà meno sconvolgente con la musica dei Tre Allegri Ragazzi Morti in testa. Ed è stato

L’ultima volta che ho sentito Il Gigante è stato all’Umbria che Spacca nel 2017, ed era appena uscito il loro primo EP “Stomp”. Già da allora rimasi colpito dall’impegno, dalla foga e dalla rabbia con cui questi quattro ragazzi folignati riuscivano ad esprimere i propri concetti, sostenuti anche da chitarre taglienti e robuste in grado

Se vi ricordate, giovedì 13 dicembre era freddo. Molto freddo. Dalle parti del caro vecchio Monte Subasio, da dove vengo, nevischiava pure. Ma ciò non mi ha impedito di prendere la macchina (circa dieci minuti per scaldare il motore) e andare al Rework di Perugia per godermi un bel concerto di Generic Animal. Per chi

Concerti diversi e solitari “Mmh…però, bula dai, poi è anche bella”: penso che questo commento (molto sincero), espresso da una ragazza che mi era accanto, esprima bene il mood della serata. Chi mi sconosce rimarrà sicuramente sorpreso del fatto che, venerdì 7 dicembre, me ne sia andato all’Afterlife di Perugia per assistere al concerto di

Il 7 Dicembre 2018 è uscito Rockstar Popstar Edition di Sfera Ebbasta Quando quattro giorni fa è stato il compleanno della mia ragazza, a mezzanotte dalle casse non è uscito il classico Happy Birthday, ma l’Happy Birthday di Sfera Ebbasta. Ovviamente qualcuno si era divertito con il cavo aux a cambiare canzone, ed è stata

Dopo le prime tre o quattro canzoni costruite come delle ballate malinconiche e tristi, dominate dal pianoforte, mi son chiesto come mai Flavio Pardini, in arte Gazzelle, avesse intitolato il suo album “Punk”. Grazie a varie ricerche, mi sono imbattuto in un’intervista del cantautore romano che afferma: “Di “Superbattito” dicevo che era un disco Sexy

C’erano i ragazzi che cantavano a squarciagola “Tottigol” – magari con una ferita aperta – sperando di riacchiappare la propria amata. C’erano le ragazze che urlavano invece “Puzzle”, sognando di addormentarsi sul letto di qualcuno. Poi, ovviamente, c’erano le coppiette che si tenevano abbracciate sulle note di “Occhiaie”, ripensando ai “chili d’amore sotto le occhiaie”

“Come ti è venuto in mente di fare post-rock?”. Chiedo sempre questo a Tommaso, chitarrista dei Vibes Speaks Volumes, gruppo post-rock di Bastia Umbra (l’altro membro è Gennaro, batterista). La mia perplessità si risveglia ogniqualvolta lo vado ad ascoltare nei tanti circoli sparsi nella zona, chiedendomi se non preferirebbe magari suonare in un locale come l’Urban

Data di uscita: 7 Settembre 2018 Etichetta: Sugar S.r.l Negli ultimi giorni, non mi ha sorpreso il fatto di aver sentito canticchiare spesso il ritornello di “Bella come Roma”, canzone dei Viito, da una mia compagna di università. Il duo, composto da Giuseppe Zingaro e Vito Dall’Erba (romani d’adozione) tenta, con questo primo album dal

Uscita: 28 Settembre 2018 Etichetta: Young Money, Republic, Universal. “Mama love you, I can’t wait til your album come out / Because everybody asking about it and I know it’s gon’ be a beautiful album / Love you Dwayne.” Con queste parole della madre, tra lacrime e singhiozzi, si conclude “I love You Dwayne”, il

Al centro di Foligno, all’interno dell’ex-cinema Astra, si è sviluppato il primo concept-store della città, dove si possono scegliere libri, cd e vinili (usati e non), ma dove si può anche prendere un drink in tutta calma, magari ammirando anche i prodotti di artigianato e sartoria della nostra regione. Tutto questo, e molto altro, è il

  Nonostante la pioggia incombente, il Riverock continua, dimostrando tutta la sua tenacia. E in effetti, alla fine, il maltempo si allontana, ma i problemi non sono finiti qua per il festival assisano: ai Soft Moon, infatti, è stato cancellato il volo, eliminando così l’headliner della serata. Ma ancora una volta i ragazzi del festival

ROAD TO #UCS18 è la rubrica di Radio Cult che vi racconta gli artisti che si esibiranno sui palchi de l’Umbria Che Spacca 2018, che si terrà il 6-7-8 luglio a Perugia. FACCIAMO CONOSCENZA CON I MELANCHOLIA Come fanno tre ragazzi di Foligno ad arrivare in Germania per una finale mondiale? Per saperlo, abbiamo intervistato

Chi mai poteva immaginare di trovarsi in una Milano rovente, dove la temperatura ha raggiunto anche i 35 gradi? E pensare che avevo portato anche la felpa… Il MI AMI festival compie 14 anni nel migliore dei modi: un po’ per il clima tropicale e un po’ per il meraviglioso circolo Magnolia, che con i

La scorsa edizione si è conclusa con una giornata di pioggia intensa, costringendo gli Zen Circus ad esibirsi all’interno del Supersonic e i Cieli di Turner a non salire sul palco: quest’anno si riparte da qui. Con una cinque giorni piena di artisti, ambasciatori di diversi generi musicali, l’Antifestival XI si appresta ad essere uno

“Ben venga Maggio, ben venga la rosa, ch’è dei poeti il fiore”, narrava Guccini nella Canzone dei dodici mesi; di certo non stiamo trattando di poeti, ma il mese di Maggio ci ha regalato ottimi fiori da raccogliere nel nostro giardino di nuovi brani. Frah Quintale e Giorgio Poi – Missili: Canzone da ascoltare sulla spiaggia

Il nostro Roberto ha fatto due chiacchiere con I Giocattoli, in occasione in occasione del loro live all’Antifestival Preview a Trevi. ROBERTO: Come mai avete scelto come nome della vostra band “I Giocattoli”? DUILIO: I Giocattoli nasce per due motivi, sia perchè inizialmente quando facevamo cover spesso utilizzavamo strumenti giocattolo come lo xilofono, tipo quello

Duilio Scalici e Ernst Mormile, fortunatamente per noi, oltre a condividere la passione per il videomaking si dilettano anche di musica. Nel 2016 hanno dato vita ad una delle realtà più fresche dell’indie italiano: partiti con delle cover, oggi ci presentano I Giocattoli, un gruppo i cui componenti si incastrano perfettamente come le tessere di

In una zona dominata da rapper e piccoli nuclei trap si erge un baluardo a difesa dell’indie italiano, genere che sta spopolando in tutta Italia; si tratta di Carlo Cianetti, alias “My girl is retro”. Questo ragazzo di soli 19 anni di Bastia Umbra mostra una maturità incredibile nel saper comporre canzoni e nel trattare

Dopo 4 anni di attesa, finalmente è uscito il nuovo album della giovane che nel 2010 voleva succhiare il nostro sangue. Ovviamente quella ragazza non c’è più (come naturale), ma si è tramutata in una donna matura e sicura dei propri mezzi, capace sempre di trattare con pungente ironia temi molto delicati e di farci

Abbiamo fatto due chiacchiere con I Cieli di Turner, band umbra che ha da poco lanciato il primo album e che ha aperto ai FASK all’Urban lo scorso 17 Marzo. Innanzi tutto, il nome! Come mai “I Cieli di Turner”? Allora, ci chiamiamo I Cieli di Turner perché per un gruppo musicale la cosa più difficile

Un velo di malinconia e tristezza si stende sul primo album di CRLN (si scrive CRLN, si legge Caroline); la ragazza di S. Benedetto del Tronto vede il mondo attraverso un filtro “blu”,dominato da tinte scure e fosche, dove a volte trapela la luce. D’altronde, già dall’inizio dell’album la cantante ci avverte: sono previste precipitazioni sull’epidermide

Come si fa a portare un album da 12 brani, il più breve dei quali dura quattro minuti,in un live senza essere pesanti? Ebbene, Andrea Laszlo De Simone ci riesce benissimo. Tutto il live è stato costellato di armonie psichedeliche e intermezzi musicali che hanno rapito immediatamente l’attenzione dell’ascoltatore, come una sorta di ipnosi. Inoltre,


Radio Cult

Background