Rubriche

Il nono appuntamento con Illustracult ha come protagonista uno dei più brillanti illustratori e grafici contemporanei: Guido Scarabottolo. Le illustrazioni di Scarabottolo hanno ricevuto moltissimi premi ed apprezzamenti della scena internazionale, con uno stile diretto in cui caso e gioco si accostano e si mischiano, per poi ammaliare con la loro semplicità. Guido “Bau” Scarabottolo

In questo ottavo numero di Animacult la nostra Maria Pia Santillo ci porta alla scoperta del bianco e nero con sedici cortometraggi d’animazione focalizzati sull’uso di questi due colori. Oggi vi mostriamo la seconda parte di questa selezione, invitandovi a rivedere gli altri.   J Virgilio Villoresi Italia, 2009 / 4 Min. 15 Sec.  

Nel Novembre del 2017, è uscito “Macerie Prime” di Zerocalcare, fumetto che ha avuto un discreto successo riportando uno spaccato di vita sempre sui toni romaneschi ma con il fattore nostalgia che viene momentaneamente trascurato lasciando spazio all’autore di concentrarsi maggiormente sulla realtà e sull’evoluzione della sua cerchia di amici. Questo volume è un opera

In questo ottavo numero di Animacult la nostra Maria Pia Santillo ci porta alla scoperta del bianco e nero con una scelta di sedici cortometraggi d’animazione focalizzati sull’uso di questi due colori. Oggi vi mostriamo i primi otto e vi diamo appuntamento a mercoledì prossimo per la seconda parte di questa sorprendente selezione.   Ooze

Già lo scorso maggio, nel Magazine di Radio Cult, avevamo dedicato uno dei nostri articoli alle opere della coloratissima Olimpia Zagnoli (www.radiocult.it/rubriche/olimpia-zagnoli-animacult/). In questi mesi, tra copertine, illustrazioni, spiagge e prati, Olimpia si è dedicata a due progetti di design per due importanti marchi italiani: la Barilla e la Perugina. In occasione della Pasta World

Per Animacult d’Autore di novembre ho scelto Viktòria Traub, regista ungherese incontrata quest’anno al Festival d’Annecy dove il suo ultimo cortometraggio “Mermaids and rhinos” era nella competizione ufficiale. In questa intervista ad «ARTE» parla della lunga genesi del progetto e del ritmo binario – passato/presente, realtà/ricordi, erotismo/innocenza – che caratterizza il suo modo di raccontare

Venerdì sera allo Spazio Novecento di Roma, Jon Hopkins, aperto da Indian Wells, ha dato spettacolo presentando il suo ultimo disco, “Singularity”: un live pulsante, ad altissimo impatto emozionale, dove i visual la fanno da padrone. Ed è proprio di questo (in parte) che parleremo oggi. L’album, uscito per Domino Recording Company / Spin Go

Cosa faresti se ti trovassi davanti un’altra te? È  la domanda che si pone la protagonista del primo lavoro di Ilaria Palleschi, e da cui è tratto il titolo del libro “Nina che disagio”. La trama gira intorno a Nina, una ragazza che insegue il suo sogno di illustratrice. Il tavolo da disegno è il

Perdersi nel blu poetico delle illustrazioni di Anne Laval è molto semplice: basta osservare le sue tavole e immergersi per pochi istanti in quella serenità per restarne ammaliati. Osservandole avrete come l’impressione di esser teletrasportati al mare e di tornare piccoli e spensierati, correre su una spiaggia color caramello, per poi tuffarvi nel blu, sguazzare

Natale è ufficialmente vicino quando lo decidono i grandi magazzini John Lewis: appena esce il loro spot natalizio (quello di quest’anno con Elton John è uscito il 14 Novembre), possiamo iniziare a cercare i regali. Tanti sono i grandi marchi che proprio in questi giorni stanno sfornando la loro visione del Natale 2018, e sono

ANIMACULT è la rubrica settimanale del Magazine di Radio Cult dedicata al cinema d’animazione d’autore. Cortometraggi italiani e internazionali scelti dalla nostra Maria Pia Santillo per avvicinare lo spettatore a un tipo di animazione diversa da quella mainstream.   Kut Lucija Mrzljak Repubblica Ceca, 2016 / 2 Min. 06 Sec.   Chest of drawers Sanni Lahtinen

Al “Lucca Comics And Games 2018”, è stato presentato in anteprima il nuovo lavoro di Alessandro Baronciani: “Negativa“ La sua nuova opera è un thriller psicologico che si tinge di bianco e nero. Baronciani si concentra su un elemento di estrema attualità, la fotografia. Fino a poco tempo fa essa era un ricordo, rappresentava la

“Non m’interessa cos’è conveniente, ma quello che è più affascinante“, Manuele Fior risponde così a una provocazione in una sua vecchia intervista. Questa frase mi torna spesso in testa quando mi ritrovo a fare delle scelte in questi incoerenti anni di vita e per me l’essenza di Manuele Fior sta tutta qui: nel suo spiccatissimo

Se la routine delle giornate di novembre vi sta attanagliando, concedetevi una breve pausa fatta di colori e scenari fantastici. A voi la nostra selezione settimanale di cortometraggi d’animazione: l’ideale per combattere i freddi pranzi al sacco e le chiacchiere al vento. Buona visione.   Bernard Ana Tortos UK, 2013 / 4 Min. 13 Sec.

C’era una volta la principessa Tilda, ascesa al trono dopo la morte del padre suicida. Dai rossi capelli e dal blu abito ha dalla sua parte il consigliere Tankred ed il suo fedele attendente Basil. Il suo trono verrà usurpato da un fratello poco amato che dalla madre fu soggiogato. La principessa fu esiliata, e

Il giorno di Halloween, con l’occasione, i Tre Allegri Ragazzi Morti hanno lanciato un nuovo singolo, “Caramella”, in vista dell’uscita dell’omonimo e ottavo album per La Tempesta. Il video d’animazione è stato realizzato da Emanuele Kabu. Regista e animatore italiano, vanta clienti come Adult Swim, Sub Pop Records, Red Hot Chili Peppers, Martin Garrix, Populous

Nicolò Canova è un giovane e talentuoso pittore e illustratore di Torino. Le sue opere colpiscono per la delicatezza e la morbidezza dei tratti e sono caratterizzate dai colori vivi di personaggi sempre in movimento, pronti a fiorire da un momento all’altro. Dopo gli studi classici, Canova, inizia il corso di Fisica all’Università degli Studi

Questa settimana una selezione tematica dedicata alla psichedelia nell’animazione: dalle forme gommose e morbide di Fabio Tonetto e Hieronim Neumann alle atmosfere acide di “Malice in Wonderland” di Vince Collins; dai Cadaveri Eccellenti alla psichedelia erotico-onirica dei corti giapponesi “Shunga” e “1001 Nights” passando per l’iridescente ”Lucy in the sky with diamonds”. E ancora, due

Immaginatevi di essere a New York, città cosmopolita sinonimo di vita underground, con più di otto milioni di persone. Chiunque ha presente la Grande Mela: il suo continuo suonare di clacson; i suoi fast food; il suo brulicare di persone e parole. C’è poi Sam, che quasi per paradosso ha scelto New York per isolarsi

Nel quarto appuntamento con Illustracult, è tempo di tirare fuori dal cilindro la prima illustratrice: Elisa Talentino (Torino 1981), un’artista che lavora con grafica d’arte, pittura e illustrazione. I suoi lavori sono raccolti in diversi libri presentati nei più interessanti eventi legati al mondo dell’illustrazione contemporanea (Ilustrarte a Lisbona,  Bilbolbul – Festival Internazionale del Fumetto

Ho incontrato Virgilio Villoresi per la prima volta a Civita di Bagnoregio, al Festival “La Città Incantata” nel luglio 2016. Quel regista d’animazione di cui avevo letto molto, guardato spot, cortometraggi, videoclip, il dvd “Fantasmagorie”, si materializzava finalmente davanti ai miei occhi nella piazzetta di questo piccolo borgo. È stato un incontro fugace. Ci siamo

Avete mai immaginato come sarà un giorno vostra figlio o vostra figlia? Avete mai preso in considerazione l’ipotesi, vaga ma reale, per la quale potrebbe essere affetto da una qualche disabilità o malattia? Molte persone tendono ad escludere che tutto ciò possa capitare, molto spesso perché assuefatte da quel senso d’invincibilità che ci accompagna durante

Le matite son tutte belle: creano meraviglie. Ci sono però matite un po’ più belle delle altre che in questi giorni si sono ben temperate e in grande spolvero si son messe a ondeggiare sulle tavole candide. L’hanno fatto tutte per una causa molto importante: il sostegno del modello Riace. Loro sono le “Matite per

ANIMACULT è la rubrica settimanale del Magazine di Radio Cult dedicata al cinema d’animazione d’autore. Cortometraggi italiani e internazionali scelti dalla nostra Maria Pia Santillo per avvicinare lo spettatore a un tipo di animazione diversa da quella mainstream. Kohvi Paula Mauer Estonia, 2014 / 4 Min. 52 Sec.   Dacha, aliens, cucumbers Ekaterina Mikheva Federazione Russa,

Giovedì iniziano i Live di X Factor, la punta di diamante dello showbiz dei talent nonché l’ennesimo meccanismo dell’uniformante industria musicale; insomma, una parte di quel sistema che incatena musica e artisti. Se mettiamo da parte le invettive moralistiche, questa ci sembra una buona occasione per riascoltare la tenera e giovanissima ragazza romana che ha

Stringi la mascella e sbatti le palpebre… non piangere. Questo è quello che fai non appena finisci di leggere “Dimentica il mio nome”, il quinto fumetto di Zerocalcare, candidato al Premio Strega nel 2015 e pubblicato l’anno prima dalla Bao Publishing. Rispetto alle altre opere, “Dimentica il tuo nome”, rappresenta un po’ il giro di

La seconda puntata di ILLUSTRACULT è dedicata all’illustratore, pittore e cineasta Gianluigi Toccafondo. Un artista visionario, innamorato dell’arte grafica, del cinema e delle ibridazioni tra cinema e pittura che, grazie al suo talento, diventano piccoli capolavori in movimento. I suoi personaggi si deformano, si allungano, cambiano pur rimanendo bellissimi, intrappolati su fotogrammi dallo stile inconfondibile.

ANIMACULT è la rubrica settimanale del Magazine di Radio Cult dedicata al cinema d’animazione d’autore. Cortometraggi italiani e internazionali scelti dalla nostra Maria Pia Santillo per avvicinare lo spettatore a un tipo di animazione diversa da quella mainstream. Yola Heloise Ferlay Francia, 2017 / 5 Min. 42 Sec.   Lutra Davide Merello Italia, 2016 / 3

“È Altrove, ma è qui” Con uno slogan e due nuove canzoni sono tornati lo scorso 28 settembre gli Eugenio in via di gioia. Chi meglio di loro poteva inaugurare la nostra nuova rubrica Testualmente? Ci occuperemo di proporvi (brevi) spiegoni di canzoni o di novità musicali che ci garbano, per dirla meglio vi offriremo

«Per me tutti i colori hanno un significato e un mistero. Posso sovrapporli per ore, assecondarli sino a quando trovo l’armonia. L’armonia, dice un mio amico francese, è il momento in cui tutti i colori si mettono a cantare.» Lorenzo Mattotti Illustracult parte con questa citazione del fumettista e illustratore di fama mondiale Lorenzo Mattotti.

«A volte non si capisce bene in che direzione andranno i venti, ma c’è sempre una buona ragione per viaggiare.» – Papaya Salad –   “Papaya Salad” è il primo graphic novel di Elisa Macellari, pubblicato dalla Bao Publishing. Riconducibile al genere romanzo, questo graphic novel dà al lettore la sensazione di essere seduto a

ANIMACULT è la rubrica settimanale del Magazine di Radio Cult dedicata al cinema d’animazione d’autore. Cortometraggi italiani e internazionali scelti dalla nostra Maria Pia Santillo per avvicinare lo spettatore a un tipo di animazione diversa da quella mainstream. Ecart de conduite Rocio Alvarez Francia, 2012 / 4 Min. 07 Sec. Video:  http://www.poudriere.eu/fr/galerie/ecart-de-conduite Attrac’tif Marion Ichard France,

Se ne va l’estate, vola via settembre, alle finestre soffiano i primi venti freddi e la vita riparte in tutta la sua simpatica normalità. Il nostro Magazine torna allora ad allietare la pausa pranzo con un po’ di fantasia. A voi il ritorno delle luci e dei colori di ANIMACULT, la rubrica settimanale dedicata al

Ultimo appuntamento con la rubrica estiva di ANIMACULT! Ma non ci fermiamo mica qui, news in arrivo.   Beach bods Foreign Fauna USA, 2018 / 30 Sec.   Wind Robert Loebel Germania, 2013 / 3 Min. 49 Sec.   Les quatre sans cou Alix Fizet Francia, 2015 / 3 Min.   The tourists Malcolm Sutherland

Manca circa un mese alla fine dell’estate, il caldo non ci abbandona e con lui la nostra selezione di corti d’animazione per rinfrescare l’anima.   Nailbite Laura Jayne Scozia, 2017 / 3 Min. 25 Sec.   La joie de vivre Anthony Gross & Hector Hoppin Francia, 1934 / 8 Min. 56 Sec.   La testa

Un buon Ferragosto ve lo auguriamo così, con la selezione settimanale di corti d’animazione della versione estiva di #ANIMACULT, il modo migliore per affrontare l’afa.   Living still life Bertrand Mandico Francia-Belgio-Germania, 2012 / 16 Min.   Lemon resort Dasha Chukhrova Russia, 2017 / 2 Min. 45 Sec.   Small people with hats Sarina Nihei Regno

Terzo appuntamento con la versione estiva di #ANIMACULT, una selezione settimanale di corti d’animazione per affrontare serenamente l’afa.   Ce goût en bouche Laura Passalacqua Francia, 2018 / 1 Min. 57 Sec.   Piano ​Kaspar Jancis Estonia, 2015 / 10 Min. 22 Sec.   Es mü z’äng ​Fela Bellotto, Lalita Brunner Svizzera, 2015 / 39

Torna la versione estiva di #ANIMACULT, una selezione settimanale di corti d’animazione per affrontare serenamente l’afa. Questo secondo episodio è stato pensato da una collaboratrice d’eccezione: Maria Pia Santillo. Laureata in Giurisprudenza e appassionata di cinema d’animazione d’autore, è autrice di “Conversazioni Animate: interviste a dodici registi italiani d’animazione” e programmer per Animaphix, Festival Internazionale d’Animazione

Noia, caldo e ulteriore noia: i fattori che hanno portato alla creazione della versione estiva della rubrica Animacult. Ogni settimana, una selezione di corti d’animazione da guardare in spiaggia, per i più fortunati, o in pausa caffé, per i meno.   The Kiosk Un corto animato a cura di Anete Melece | 6 Min. 55 Sec.  

Se vai a cercare i Lagoona su internet, oltre ad una pagina Facebook intenta a “documentare” le fasi di registrazione del disco, si trovano solo alcuni stralci di live ed un EP di un paio d’anni fa. Non trovando molto materiale, mi sono messa in contatto con Luca (Chiabolotti, ndr), il frontman dei Lagoona e

Quante volte avete sentito il bisogno, durante l’estate, di qualcosa di veramente fresco? Il caldo c’è, quindi eccovi il fresh che è più fresh del fresh. Si chiama Eraldo Cekrezi, aka Daxter, classe ’98 ed è uno dei talenti dell’etichetta Bounce Records. Ci ho fatto due chiacchere per conoscerlo meglio:   Come hai iniziato a

ROAD TO #UCS18 è la rubrica di Radio Cult che vi racconta gli artisti che si esibiranno sui palchi de l’Umbria Che Spacca 2018, che si terrà il 6-7-8 luglio a Perugia. FACCIAMO CONOSCENZA CON I MELANCHOLIA Come fanno tre ragazzi di Foligno ad arrivare in Germania per una finale mondiale? Per saperlo, abbiamo intervistato

Quanti ricordi abbiamo dei momenti in macchina con i nostri genitori quando eravamo piccoli? Non per forza viaggi lunghi, anche solamente quando andavamo a fare la spesa. L’aria che entrava dai finestrini, far finta che indice e medio fossero le gambe di un uomo dai poteri soprannaturali e le gare fra le goccioline sui finestrini.

Dead Poets Society è il progetto musicale che Igor Lorenzetti sta portando in giro per il paese dal 2017. Chitarra e voce di stampo indie-folk americano e una vena malinconica che trasporta suoni intimi e racconti sulle paure e le ansie esistenziali. In vista del suo ormai imminente live all’Umbria che Spacca – sabato 7

L’Umbria Che Spacca è agli sgoccioli e, oltre ad artisti abbastanza noti nel panorama italiano, a calcare il prestigioso palcoscenico perugino ci saranno anche giovanissimi artisti emergenti. Tra i tanti, ho deciso di fare due chiacchiere con Giuseppe Avarello, cantautore dal talento cristallino e leader dei Brumosa. Iniziamo:   CIAO GIUSEPPE, DA COSA E’ NATA

Sara Jane Ceccarelli è una giovane artista italo-canadese, nasce a Gubbio e studia pianoforte sin da piccola. A 16 anni inizia a cantare, non più per gioco. La sua poliedrica attività artistica la porta a cimentarsi nei panni di cantante, autrice, ballerina. Nel 2001 inizia ad esibirsi in duo con il fratello Paolo, chitarrista e

Abbiamo incontrato per voi la giovane band perugina che, calcando il main stage del Frontone, aprirà la serata del 7 luglio in cui si esibiranno, dulcis in fundo, gli Zen Circus. Grafiche sofisticate, i video di qualche live, contenuti enigmatici e quel punto, in fondo al nome, a cui tengono così tanto: così, nella loro

L’Umbria che Spacca si avvicina, gli artisti fremono dalla voglia di esprimersi, noi fremiamo dalla voglia di ascoltarli e per placare l’attesa li intervistiamo un po’. Io faccio due chiacchiere con Fabio Calzolari alias Fab Mayday, producer e dj resident del Friday I’m in rock all’Urban club di Perugia, insomma una piccola istituzione per gli

Ci hanno fatto aspettare, ma finalmente gli Elephant Brain sono tornati Gli ottimi Elephant Brain il 7 luglio tornano a suonare ai Giardini del Frontone, sul palco dell’Umbria che Spacca, in apertura nientepopodimeno che agli Zen Circus. La prima volta che Vincenzo, Andrea, Emilio e Giacomo si sono trovati a calcare quel palco lì, quello

ROAD TO #UCS18 è la rubrica che vi racconta gli artisti che si esibiranno sui palchi de l’Umbria Che Spacca 2018, 6-7-8 luglio a Perugia.   QUATTRO CHIACCHIERE CON BLACK FINESSE Abbiamo scambiato due parole con Alessio Giovagnoni e Simone Cerquiglini, in arte Black Finesse, giovanissimo duo di producer perugini. Si esibiranno domenica 8 luglio

Ci sono dei frames quotidiani che vorresti appiccicare sulla memoria, delle locandine di una vita. Il viso di tutti dopo uno shot, lo stupore sul volto di un bambino, l’esplosione di una risata, due persone che si guardano dentro. Lasciarli lì, come baci del tempo sulla bocca delle cose. *   Edbach – Poesie d’un

Gli uomini amavano il profumo di quella donna che chiudeva gli occhi e guardava in basso per guardarsi dentro, poi farsi scappare un sorriso, una crepa sul viso. Gli uomini amavano quel profumo, li invadeva come l’odore della pioggia quando torna il sole, era l’aroma di una donna mai vissuta ma di cui si provava

La vita è una corsa ad ostacoli, mi disse. Una fila di ostacoli davanti, i primi in cui cadi, poi quelli che salti per arrivare al traguardo e guardare, poi, quella fila di ostacoli, ma dall’altra parte. *   Edbach – Poesie d’un fiato

Volete partire e immergervi nella musica ma non avete la più pallida idea di dove andare? Ecco che Radio Cult vi corre in aiuto. Benvenuti nella più completa guida ai festival musicali dell’estate. Dal nord al sud, ovest, est (cit. più che naturale degli 883). Dal pop, al rock, al blues, al jazz, tutti i

In tempi di matrimonio regale, non potevo che presentarvi questo profilo. Nato su Twitter, approdato su Instagram, @tabloidarthistory propone parallelismi tra il gossip di oggi e l’arte di ieri. “Because for every pic of Lindsay Lohan falling, there’s a Bernini sculpture begging to be referenced”.   ‘Courtisane et Faunesque’ (detail) by Jean-Gabriel Domergue, 1930 // Kim

Il freddo aveva coperto la terra di ghiaccio, i ricordi non si reggevano in piedi. Poi capì, il suo mondo non era un posto freddo, aveva smesso di farsi ombra come un’eclissi perenne sulla superficie del tempo, aveva smesso di guardarsi di spalle per dare la faccia al sole e sciogliere il suo mar glaciale

Olimpia Zagnoli è l’illustratrice delle forme morbide e dei grandi contrasti cromatici. Il suo stile inconfondibile, fatto di colori forti e linee decise, unito al suo grande talento, l’ha portata a collaborare con il New Yorker, la Harvard Business Review, Internazionale, Repubblica, il New York Times, Rolling Stones, Vice e la Yale University, riguardo svariati

Gattini, specchi e tette. Credo che internet sia nato così. Ed è così che oggi vi presento l’IG of the week della settimana. Sicuramente molti di voi avranno visto questo video in giro per l’internette qualche tempo fa:   Un post condiviso da Michele & Peachu (@michel_e_b) in data: Ott 26, 2017 at 10:36 PDT

I Clipping sono un gruppo hip hop sperimentale di Los Angeles composto dal rapper Daveed Diggs e dai produttori William Hutson e Jonathan Snipes. Diggs e Hutson si conoscono fin dalle elementari, che frequentano insieme; Hutson e Snipes sono compagni di stanza al college. Il gruppo nasce nel 2009 come un progetto di remix, Diggs

Volete partire e immergervi nella musica ma non avete la più pallida idea di dove andare? Ecco che Radio Cult vi corre in aiuto. Benvenuti nella più completa guida ai festival musicali dell’estate. Dal nord al sud, ovest, est (cit. più che naturale degli 883). Dal pop, al rock, al blues, al jazz, tutti i

Questa collana te l’ha regalata il cielo, un giorno, mentre pensavi al quadro di Klimt, al viso di lei. Lì hai capito la violenza delle cose belle, hai capito che la bellezza ha una sua gravità e ogni volta che guardi quel dipinto, ora, pensi a tante collane che avvolgono un bacio, pensi che l’amore

Charlie Kaufman, lo sceneggiatore di Essere John Malkovich e Se mi lasci ti cancello, ci ha donato tante cose belle. Tra queste, abbiamo ricevuto Anomalisa. Si tratta di un film d’animazione del 2015 realizzato in stop motion e candidato agli Oscar come Miglior Film d’Animazione (che è una cosa davvero poco interessante, ma mettiamocela uguale).

I Blood Red Shoes sono un gruppo musicale indie rock di Brighton, Inghilterra. Hanno pubblicato quattro album Box of Secrets (2008), Fire Like This (2010), In Time to Voices (2012) e Blood Red Shoes (2014), oltre a diversi EP e singoli. I Blood Red Shoes sono nati alla fine del 2004, dopo che i due

Era pomeriggio, il sole ricopriva il mondo. Mi portò vicino all’albero di noci, ne prese una, mi disse: “La natura ci ha dato uno specchio e quello specchio è una semplice noce, perché all’interno sembra un cervello, ma il suo guscio somiglia a un cuore. Il tuo cuore è ciò che ti protegge.”   Edbach

È accaduto realmente: è nata Animacult. Ecco lo spazietto web in cui io, Annina e altri amici dal futuro proveremo a scrivere di illustrazione e cinema d’animazione. Oggi è la volta di Virginia Mori. Virginia Mori e il suo “Vento” (un libro interattivo che non sarei capace di definire a parole quindi: https://vimeo.com/97837721 sono da anni

Rone è un DJ e Producer francese. Il suo primo EP “Bora” esce nel 2008 con l’etichetta francese InFine. Nel 2011 decide di trasferirsi a Berlino per trovare nuove ispirazioni, pubblica l’EP So So So e nell’ottobre del 2012 un secondo album intitolato Tohu Bohu (espressione biblica ebraica che significa caos). Rone ha anche vinto

Il tempo inaridisce le cose, ragazzo. Le sue rughe erano spie di una verità. Pensa al Sahara: un tempo era verde.   Edbach – Poesie d’un fiato

Probabilmente la fissazione per i pastelli la porto dietro dai cinque anni di liceo artistico. Le ho dato forma in due modi: comprando dei gessetti da marcapiede da Tiger un sabato pomeriggio di qualche mese fa (sono ancora nella scatola); seguendo questo profilo. La Maison du Pastel è quello che si usa dire un posto

Shpresa e Cole si conoscono su SoundCloud nel 2012 dove pubblicavano rispettivamente la loro musica. Il loro “rapporto musicale” si trasforma in qualcosa di più e li porta poi a una relazione di 5 mesi su Skype. Shpresa, da Stoccolma decide di volare fino a Minneapolis per incontrare Cole. Dopo qualche mese ritornano insieme in

Dall’alto Perugia aveva gli occhi di chi conosceva il tramonto a memoria, come una preghiera, il crepuscolo le donava una pelle antica, e in lei che inseguiva la città così fioriva la meraviglia come un girasole che cresce mentre segue la luce del sole.   Edbach – Poesie d’un fiato

Meglio dei video delle persone che cadono esiste solo una cosa: i video dei ballerini che cadono. Instagram è pieno di danzatori classici con profili splendidi, che condividono quotidianamente eleganti dimostrazioni all’universo delle loro capacità e della loro linea alla Grissibon. Spulciando questo mondo, mi sono imbattuta in un account proprio niente male: @biscuitballerina. La

Potevo inaugurare questa rubrica scegliendo un profilo Instagram dall’elevato spessore culturale, dall’ampia rilevanza sociale e dall’estetica perfetta. E infatti è andata esattamente così. Il mio primo IG della settimana racchiude tutto ciò che abbiamo sempre sperato di trovare iscrivendoci a questo social network. Sto parlando di @simpsonslibrary, “It’s Nice That — Lisa’s Bookshelf”. Carmen López,

Dimenticatevi del principe azzurro, scordatevi gli uccellini invadenti e le canzoni smielate: la favola di Cenerentola è tornata alle sue origini e sa di gangster movie. Se Disney per Cinderella (1950) prese ispirazione da Cendrillon di Perrault, La Gatta Cenerentola (2017) prende le fondamenta dall’omonima fiaba di Giambattista Basile (1634). L’aspro racconto popolare ha ben poco


Radio Cult

Background