SFERA EBBASTA, “ROCKSTAR (POPSTAR EDITION)” – Recensione, tracklist, copertina

- dicembre 7, 2018

Il 7 Dicembre 2018 è uscito Rockstar Popstar Edition di Sfera Ebbasta

Quando quattro giorni fa è stato il compleanno della mia ragazza, a mezzanotte dalle casse non è uscito il classico Happy Birthday, ma l’Happy Birthday di Sfera Ebbasta. Ovviamente qualcuno si era divertito con il cavo aux a cambiare canzone, ed è stata subito tolta. Ma ciò mi ha fatto pensare: esiste gente che lo farebbe davvero? Io penso proprio di sì.

Ormai la trap è ovunque, e non mi sconvolgerebbe il fatto di sentire Sfera al posto dei più comuni Beatles o Ramones per gli auguri in una festa di compleanno, soprattutto fra gli adolescenti. Tra l’altro, bisogna necessariamente ricordare che “Rockstar” di Sfera Ebbasta è stato il disco più venduto in Italia quest’anno, ed è entrato nella top 100 mondiale di Spotify (sì, avete capito bene, MONDIALE, primo italiano nella storia).

Sfera si sente quotidianamente su whatsapp con J Balvin (c’è stima artistica reciproca) ed ha fatto un singolo con Asap Ferg, ampliando così il suo pubblico internazionale (già aveva fatto passi avanti in questa direzione pubblicando “Rockstar International Edition”, dove compaiono  rapper quali Quavo dei Migos e Rich The Kid).

Sfera Ebbasta Popstar

Potete dire quello che volete, ma il mondo si sta interessando alla trap italiana anche grazie a personaggi come Sfera. “Il re del rap”, come ama autodefinirsi, non è uno stupido, e negli anni ha anche creato un’etichetta discografica con Charlie Charles (Billion Headz Music Group), che oltre ad includere altri trapper come Drefgold, ha attirato le attenzioni di Guè Pequeno.

Insomma, sa quello che fa. Anche se, devo ammettere, le tematiche dei brani sono un po’ tutte uguali – le basi no, quelle spaccano. Nella nuova versione del suo ultimo disco “Rockstar (Popstar Edition)” – uscito oggi per Universal e disponibile in doppio CD – sono presenti tre inediti (“Popstar”, “Happy Birthday” e “Uh Ah Hey”), tre nuove versioni remix (“Cupido” feat. Khea, Duki, Quavo, Elettra Lamborghini, “Xnx” feat. Guè Puequeno e “Serpenti a Sonagli” feat. Lacrim) e il brano “Pablo” (feat. Rvssian).

Sfera Ebbasta Popstar

Gli Inediti

Proprio negli inediti non ho trovato niente di nuovo.

Il fatto che il rapper viene da Cinisello Balsamo e adesso ce l’ha fatta (“mi chiedi come si fa/ a fare i soldi a fare la vita da star/ …ho più volte cercato una risposta/ ma ehi fra non lo so come si fa”, da “Popstar”), guadagna tantissimi soldi (“troppi soldi mi servirebbe un trolley”, da “Uh Ah Hey”), fuma erba (“ho fumato tutto il weekend”, da “Popstar”) e ha tante ragazze intorno (“troppe tipe c’ho bisogno di un clone”, da “Uh Ah Hey”), è ormai consolidato, e sicuramente non c’è bisogno di ripeterlo in ogni canzone.

Inoltre, Sfera insiste molto con le macchine costose e la velocità, simboli di ricchezza ma anche manifestazioni di un egocentrismo e una presunzione non da tutti (“Sportiva due posti, Bmw”, da “Happy Birthday”; “sfreccio come Batman”, da “Popstar”; “faccio fast and furios”, da “Uh Ah Hey”).

Insomma, in questi brani si riprendono le tematiche e le sonorità tipiche dell’album, non aggiungono niente (in particolare, “Uh Ah Hey” risente molto di “Pablo”). Che poi, in fondo, sono anche belli, e diventeranno sicuramente delle hit. Ma sappiamo che Sfera, qualcosa in più, ce lo può dare.

Copertina

Sfera Ebbasta Popstar Copertina

Tracklist

CD 1 – ROCKSTAR

01. Rockstar
02. Serpenti A Sonagli
03. Cupido (feat. Quavo)
04. XNX
05. Ricchi X Sempre
06. Uber RMX (feat. Miami Yacine)
07. Leggenda
08. Bancomat RMX (feat. Tinie Tempah)
09. Sciroppo (feat. DrefGold)
10. 20 Collane RMX (feat. Rich The Kid)
11. Tran Tran RMX (feat. Lary Over)

CD 2 – POPSTAR

01. Popstar
02. Uh Ah Hey
03. Happy Birthday
04. Cupido RMX (feat. Khea, Duki, Quavo, Elettra Lamborghini)
05. XNX RMX (feat. Gué Pequeno)
06. Serpenti A Sonagli RMX (feat. Lacrim)
07. Pablo (Rvssian x Sfera Ebbasta)

Visita la sezione recensioni del Magazine di Radio Cult, o leggi altri articoli di Roberto Bondi.


Commenti

Lascia un commento

La tua mail non sarà visibile. I campi contrassegnati sono obbligatori *


Radio Cult

Background