VIITO – “TROPPOFORTE”

- Ottobre 23, 2018

Data di uscita: 7 Settembre 2018

Etichetta: Sugar S.r.l

Negli ultimi giorni, non mi ha sorpreso il fatto di aver sentito canticchiare spesso il ritornello di “Bella come Roma”, canzone dei Viito, da una mia compagna di università. Il duo, composto da Giuseppe Zingaro e Vito Dall’Erba (romani d’adozione) tenta, con questo primo album dal titolo “Troppoforte”, di entrare nella già affollata scena dell’Itpop. Ma allora cos’hanno di diverso e di tanto speciale? Sostanzialmente i testi trattano i temi tanto cari ai vari Cimini, Gazzelle, Frah Quintale e Carl Brave, ovvero la nostalgia dei tempi passati (“Tempi Migliori”, “Una festa”); la depressione dovuta ad un cuore infranto («Te ne sei andata ch’era troppo presto», “Lisbona”); la voglia di non arrendersi ad una maturità incedente tentando, con una specie di ribellione (e con brani decisamente più ritmati), di riassaporare i dolci frutti dell’adolescenza (“Troppoforte”, “Compro Oro”).
Ciò che colpisce nei Viito è però la voce del cantato: grazie alla sua durezza e alla sua asprezza riesce a dare una forte carica emotiva alle canzoni, trascinandoci in un mondo che non ci appartiene, circondato da malinconia e da tristezze quotidiane. Forse non è un caso che il disco sia uscito a estate ormai finita. Dopotutto, infatti, non si può parlare di un album banale somigliante ai già tanti lavori del genere già usciti: i Viito cercano costantemente di mantenere un equilibrio tra la tradizione cantautorale italiana («Voglio vivere nelle canzoni di Gaetano e Dalla», “Troppo Forte”), i rimandi a Grignani o a Vasco, e i cantautori italiani attuali. Si inseriscono così in quel solco della musica italiani che li colloca vicino ai vari e già celebri Calcutta e Cimini.

TRACKLIST E TESTI:
01 Troppo forte – (02:49)
02. Bella come Roma – (03:47)
03. Tempi migliori – (02:49)
04. Compro oro – (03:06)
05. Una festa – (02:45)
06. Mondiali – (02:41)
07. Lisbona – (03:18)
08. Cerco l’estate – (03:14)
09. Industria porno – (03:13)
10. Esami – (04:39)

 

Leggi altri articoli di Roberto Bondi e se ti senti proprio in forma dai uno sguardo alla nostra sezione recensioni direttamentedal Magazine Radio Cult.


Commenti

Lascia un commento

La tua mail non sarà visibile. I campi contrassegnati sono obbligatori *


Radio Cult

Background