GRAPHICULT #1 | ELISA MACELLARI E LA SUA “PAPAYA SALAD”

- Ottobre 10, 2018


«A volte non si capisce bene in che direzione andranno i venti, ma c’è sempre una buona ragione per viaggiare.» – Papaya Salad –

 

Papaya Salad” è il primo graphic novel di Elisa Macellari, pubblicato dalla Bao Publishing.
Riconducibile al genere romanzo, questo graphic novel dà al lettore la sensazione di essere seduto a tavola con l’autrice che ci racconta, tra un piatto orientale e l’altro, le avventure di suo nonno: dalla Thailandia all’Europa, dagli anni venti alla fine della II Guerra Mondiale, Sompong è il protagonista che narra la sua storia mentre spiega a sua nipote come preparare la Papaya Salad. Nato e cresciuto in un piccolo villaggio della Thailandia, combatte per inseguire i suoi sogni scontrandosi con la durezza della guerra. Nel 1940 si ritroverà per caso in Piazza Venezia e ascolta il discorso del Duce. Verrà poi trasferito in Austria dove vivrà un periodo di prigionia nel quale conoscerà altri giapponesi e thailandesi, tra cui Lek, figlia dell’ambasciatore thailandese.

Il tutto è sapientemente riportato dalla scala di colori utilizzati dalla disegnatrice: caldi, dall’arancione al rosa, nel momento in cui la famiglia è intorno al tavolo a Bangkok; più accentuati e cupi quando vuole portarci indietro, in quella Berlino bombardata durante il periodo di prigionia di suo nonno. Lo stile usato è dolce e morbido, come per dare una certa familiarità ai personaggi, grazie all’utilizzo della matita ed in seguito della penna grafica.

 

Cinque buoni motivi per leggere “Papaya Salad“, tanti quanti sono i capitoli:

– è la prima opera di Elisa Macellari, nata e cresciuta a Perugia;

– è interessante poter vedere la guerra con gli occhi di un personaggio diverso che si è ritrovato coinvolto in una guerra non sua;

– amerete il personaggio di Sompong, alla ricerca del suo posto nel mondo;

– vi farà fare un viaggio in Thailandia, il che non fa mai male;

– alla fine dei conti avrete una gran voglia di preparare la Papaya Salad.

 

Elisa Macellari:
Di origini italo-thailandesi, è un illustratrice nata e cresciuta a Perugia, dove ha studiato all’Accademia di Belle Arti. Dopo essersi trasferita a Milano ha lavorato come assistente e graphic designer nella galleria di arte contemporanea di Suzy Shammah. Dal 2012 è illustratrice freelance per diverse case editrici e riviste tra cui Mondadori, Feltrinelli, The New York Times, Zanichelli, Tra i suoi clienti The New York Times, Women’s Health UK, Cartoon Network, Donna Moderna, Mondadori, Feltrinelli, Einaudi, Giunti, Piemme, Zanichelli, Rubbettino Editore, Il Battello a Vapore, Emme Edizioni, Edizioni BD, Gorilla Sapiens Edizioni, Plansponsor, Planadviser, Donna Magazin, viction:ary, Nobrow Press, Bandcamp, Cancer World Magazine, Spazio Mag, Voicemap, Razor & Tie Records, Langosteria, Karimoku New Standard, Woodyzoody. Nel 2017 ha vinto la “Medaglia d’oro Autori di Immagini 2017 per l’illustrazione editoriale”. Alcune sue opere sono esposte in Italia e all’estero.

 

Visita la sezione Rubriche all’interno del nostro Magazine online.


Commenti

Lascia un commento

La tua mail non sarà visibile. I campi contrassegnati sono obbligatori *


Radio Cult

Background