MARTINA ATTILI – CHEROFOBIA | TESTUALMENTE #2

- ottobre 24, 2018

Giovedì iniziano i Live di X Factor, la punta di diamante dello showbiz dei talent nonché l’ennesimo meccanismo dell’uniformante industria musicale; insomma, una parte di quel sistema che incatena musica e artisti. Se mettiamo da parte le invettive moralistiche, questa ci sembra una buona occasione per riascoltare la tenera e giovanissima ragazza romana che ha stupito e fatto innamorare tutti nelle prime audizioni. La sedicenne si chiama Martina Attili e la sua canzone Cherofobia.

Almeno che non siate totalmente avversi a tutto ciò che riguarda questi format, è difficile che non l’abbiate già sentita in queste ultime settimane, contando che ha superato tipo le 13 milioni di visualizzazioni sul tubo. La forza di questo pezzo è evidente e anche disarmante: parole e note così dirette e intrecciate che provocano i brividi ad ogni ascolto. Senza dubbio c’è del potenziale artistico in questa cantautrice emergente, ora siamo curiosi di assistere al suo percorso, sperando non venga trasformata in un semplice ingranaggio per sfornare dischi.

Martina Attili – Cherofobia (versione estesa live)

Ma tu resta”.

L’ansia, la difficoltà a vivere le emozioni. O peggio, le emozioni ti invadono, ti pervadono. Gioire diventa un dolore, una spina nella carne, paura di esplodere, di non reggere. Questo stato accompagna le tue giornate e diventa un malessere incompreso, un paradosso con cui nessuno riesce a empatizzare.

L’unica soluzione diventa chiuderti a riccio, evitare ciò che ti stimola, che ti fa gioire.

L’unica soluzione diventa rimanere a casa, sola, con un film. Un mondo chiuso, impenetrabile, impermeabile.

Per paura di romperti come un involucro fragile, rimangono due vie: l’indifferenza o il dolore. Forme di difesa oppure soluzioni meglio gestibili.

Questa è la tua cherofobia. Instabilità emotiva. Solitudine. La vita che rinuncia.

Eppure, c’è un “ma” che chiude il ritornello. C’è una piccola fessura da cui entra un tiepida chiarore.

Ma tu… resta”. Una presenza, una persona, paziente e disponibile, pronta a stare, a sopportare, a comprendere anche se non capisce. Rimane e non se ne va. La vita che rinasce.

Cherofobia è una situazione patologica, forse però non così rara e distante; quando viene raccontata, parla a milioni di ragazzi e ragazze, persone che probabilmente si trovano proprio a combattere con questi mostri e sono in cerca di qualcuno che resti.

 

CHEROFOBIA: avversione alla felicità, o paura della felicità, rappresenta un atteggiamento nel quale gli individui evitano deliberatamente le esperienze che evocano emozioni positive o di gioia.

 

Leggi altre finissime riflessioni ai testi fatte dal nostro Federico Marcovecchio all’interno della nostra rubrica Testualmente. Oppure prova un magico giro nella nostra sezione Rubriche.


Commenti

Lascia un commento

La tua mail non sarà visibile. I campi contrassegnati sono obbligatori *


Radio Cult

Background