recensione

Questa settimana parliamo di un film presente già da qualche giorno in sala, la nuova commedia diretta da Gianni Zanasi (Non pensarci, La felicità è un sistema complesso), ospite lo scorso venerdì al cinema Postmodernissimo di Perugia. Il film si chiama Troppa grazia e vanta di importanti protagonisti quali Alba Rohrwacher, Elio Germano, Giuseppe Battiston

L’attesa è terminata, finalmente il 30 Novembre è uscito “Ex:Re” (per la 4AD & Glassnote Records), l’album omonimo che dà nome al nuovo progetto di Elena Tonra in questo suo primo lavoro lontano dalla band Daughter, fondata dalla stessa nel 2010 e di cui, in questi anni, ha diffuso il verbo con calda e suadente voce.

Dopo le prime tre o quattro canzoni costruite come delle ballate malinconiche e tristi, dominate dal pianoforte, mi son chiesto come mai Flavio Pardini, in arte Gazzelle, avesse intitolato il suo album “Punk”. Grazie a varie ricerche, mi sono imbattuto in un’intervista del cantautore romano che afferma: “Di “Superbattito” dicevo che era un disco Sexy

Venerdì sera allo Spazio Novecento di Roma, Jon Hopkins, aperto da Indian Wells, ha dato spettacolo presentando il suo ultimo disco, “Singularity”: un live pulsante, ad altissimo impatto emozionale, dove i visual la fanno da padrone. Ed è proprio di questo (in parte) che parleremo oggi. L’album, uscito per Domino Recording Company / Spin Go

Liede arriva in autunno con il suo nuovo singolo “Lasciami provare così”, un brano novembrino synth e malinconico al punto giusto, che racconta con un velo di ironia un amore tristemente rassegnato e disilluso: “Ci proverò/ Però è ridicolo/ Ho ancora pezzi di te sul collo/ Ma ci lavorerò, su questo spigolo”. Versi colloquiali, diretti,

Il giovane regista Fulvio Risuleo, venerdì, è stato ospite del Postmodernissimo in occasione della proiezione del suo primo lungometraggio, “Guarda in alto”. Noi ne abbiamo approfittato per scambiarci alcune impressioni. – L’idea dei tetti (il film è ambientato sui tetti di Roma, ndr) ha origine empirica o concettuale? È nata da una passeggiata su un

Lub Dub. Un cuore che pulsa. Il rumore dei ventricoli quando si contraggono e il sangue che viene pompato nel corpo. È esattamente questa la sensazione che trasmette l’album degli A Toys Orchestra. Ti entra dentro e ti pervade. Lo senti scorrere nelle vene. È una calda sera di fine maggio. È domenica e tutto

Ecco un altro tassello in questi mesi di felice cinema italiano. Anche Matteo Garrone, dopo la grande popolarità di Gomorra e l’ultimo Il racconto dei racconti, torna in sala con un lavoro che aveva in cantiere da molti anni. Dogman si ispira liberamente al feroce fatto di cronaca del cosiddetto Canaro della Magliana, avvenuto nella periferia romana

Ammetto di aver approcciato alla sessione di ascolto per la recensione con un pessimo presupposto: che il Jon Hopkins di Insides non lo avremmo mai rivisto. Con un po’ di spocchia nei confronti del nuovo lavoro di uno dei più pop e popolari nomi della musica elettronica nowdays. E invece cit:”beh…faresti bene a mettere della

Gli Arctic Monkeys tornano dopo 5 anni di assenza con un disco dal nome criptico: Tranquillity Base Hotel + Casino. Probabilmente la maggior parte dell’audience affezionato alla band sperava in un ritorno ai ritmi dei primi dischi, dopo le atmosfere lounge di AM dove la batteria era stata praticamente azzerata in favore di una centralità maggiore

Pneuma – πνεύμα – è un termine del greco antico che significa “respiro”, “aria”, “soffio vitale”. I primi medici greci individuarono nel respiro la sede della vita. Gli stoici definirono il pneuma come principio d’organizzazione della materia individuale e universale, di un kosmos ordinato, vivificato, opposto all’abisso vuoto del chaos senza forma; sostanza che permea la realtà e

Di nuovo Frank, o meglio, un nuovo Frank. La prima volta che mi sono imbattuta in lui ricordo di essere rimasta imprigionata nelle sue semplici e dirette melodie pervase da logorroiche strofe di seimila parole al secondo e ritornelloni da frantumarsi le corde vocali sotto la doccia. Senza troppi impicci, chitarra e parole oneste. Alla

Ritorno in sala per Loro 2, neanche il tempo di digerire Loro 1 (qui la recensione). Il primo atto inaspettatamente mi aveva entusiasmato in modo particolare e quella mezz’ora con Berlusconi/Servillo era sembrata un perfetto preludio all’atto finale. In altre parole, sono tornato in sala con alte aspettative. Ora Lui è perennemente al centro della

Non mi perdonerò mai di non essere andato a vedere i Rage Against the Machine a Modena nel 2008. Non ancora diciottenne, non avevo una macchina né un appoggio per dormire lì, ed era pure infrasettimanale (quindi scuola l’indomani): ma era un’occasione unica e, avrei scoperto poi, irripetibile. I RATM si sarebbero di nuovo sciolti

Duilio Scalici e Ernst Mormile, fortunatamente per noi, oltre a condividere la passione per il videomaking si dilettano anche di musica. Nel 2016 hanno dato vita ad una delle realtà più fresche dell’indie italiano: partiti con delle cover, oggi ci presentano I Giocattoli, un gruppo i cui componenti si incastrano perfettamente come le tessere di

In una zona dominata da rapper e piccoli nuclei trap si erge un baluardo a difesa dell’indie italiano, genere che sta spopolando in tutta Italia; si tratta di Carlo Cianetti, alias “My girl is retro”. Questo ragazzo di soli 19 anni di Bastia Umbra mostra una maturità incredibile nel saper comporre canzoni e nel trattare

Niente raga, ormai lo abbiamo perso. Motta si è ufficialmente innamorato e ha smesso di essere il cattivo ragazzo dei Criminal Jokers che ci piaceva così tanto. O magari non lo è mai stato e solo ora ci fa vedere quale vero romantico è. “Vivere o Morire” è senza ombra di dubbio un bell’album, impegnativo,

In questo cosiddetto “dittico su Berlusconi” risultano subito chiari gli intenti di Sorrentino dall’esergo in apertura: «Tutto documentato, tutto arbitrario». Questa affermazione di Giorgio Manganelli ci introduce alla visione di Loro 1, attraversandolo costantemente. Raccontare l’Italia dei Loro, di quelli che contano, quell’Italia già in qualche modo presente nel pluripremiato La Grande bellezza, quella corrotta,

Quando il non sorprendere è una cosa bella… I Tiny Moving Parts , con l’ultimo album “Swell”, riprendono in maniera pedissequa il loro precedente lavoro “Celebrate” del 2016, facendo in modo che questo risulti un gran punto d’arrivo gradualmente raggiunto. Sproloquiare su quale dei due album sia migliore non avrebbe nessun tipo di senso: sono

I Neon Kid si sperticano lungo la non facile via dell’esordio discografico. Loro sono il mio gruppo preferito, in assoluto, sono i numeri uno. Era un sacco che volevo andare a sentirli e non ci riuscivo mai, vuoi per un impegno vuoi per un altro. Non ho visto nemmeno un loro concerto e stavo morendo

Dopo 4 anni di attesa, finalmente è uscito il nuovo album della giovane che nel 2010 voleva succhiare il nostro sangue. Ovviamente quella ragazza non c’è più (come naturale), ma si è tramutata in una donna matura e sicura dei propri mezzi, capace sempre di trattare con pungente ironia temi molto delicati e di farci

Quante volte vi è capitato di figurarvi qualcuno sentendone la sola voce? Beh, il cantante dei RCR rispecchia perfettamente la vostra immaginazione: una montagna umana, con la faccia da amicone e dei magnifici baffi. Uno così non può smettere di credere in quello che fa, sarebbe proprio una contraddizione nei confronti della sua fisionomia. E

Un velo di malinconia e tristezza si stende sul primo album di CRLN (si scrive CRLN, si legge Caroline); la ragazza di S. Benedetto del Tronto vede il mondo attraverso un filtro “blu”,dominato da tinte scure e fosche, dove a volte trapela la luce. D’altronde, già dall’inizio dell’album la cantante ci avverte: sono previste precipitazioni sull’epidermide

Jack White se ne esce dalla caverna col suo nuovo disco “Boarding House Reach”, chiaramente autoprodotto e autosuonato. Da quando The White Stripes non si vedono più in giro (era il 2007, ci credete?), JW ha guidato svariati progetti collaterali trovando alterne fortune con Dead Weather e Raconteurs, per poi concentrarsi sul pubblicare dischi a

In una piccola saletta del Postmodernissimo inizia la proiezione di Un sogno chiamato Florida (The Florida Project), finalmente arrivato nei nostri cinema. Lo aspettavo e mi incuriosiva dato che, uscito negli States nel 2017 e presentato già in diversi festival – tra cui quello di Torino -, ne avevo sentito parlare bene, ma da noi

Da dove tutto è nato, ora tutto continua. È innegabile, Sfera Ebbasta è la punta del diamante trap italiano, ormai sempre meno grezzo di quanti molti possano pensare. Torniamo a soli due anni fa con il suo self titled del 2016, con Fiori del Male o al 2015 con XDVR e Panette, già potevano udirsi

Il regista turco-tedesco Fatih Akin (La sposa turca) è tornato con un nuovo lungometraggio intitolato Aus dem Nichts, per gli americani In the fade. Premiato come miglior film straniero agli ultimi Golden Globes, Oltre la notte racconta la drammatica vicenda personale affrontata da Katja Sekerci in seguito alla perdita del marito Nuri e del figlio

Questa è la recensione di viaggio posto finestrino col mare in tempesta accanto, la colonna sonora dei miei primi mesi di questo strambo 2018. Capacity dei Big Thief è un album del 2017, arriva a distanza di un anno da Masterpiece, il loro promettente esordio. I Big Thief sono un quartetto di Brooklyn che incanta

Dimenticatevi del principe azzurro, scordatevi gli uccellini invadenti e le canzoni smielate: la favola di Cenerentola è tornata alle sue origini e sa di gangster movie. Se Disney per Cinderella (1950) prese ispirazione da Cendrillon di Perrault, La Gatta Cenerentola (2017) prende le fondamenta dall’omonima fiaba di Giambattista Basile (1634). L’aspro racconto popolare ha ben poco


Radio Cult

Background